Avviso ai naviganti


AVVISO AI NAVIGANTI: A causa di insulti e messaggi astiosi ricevuti, abbiamo introdotto la moderazione dei commenti nel blog. Eravamo tra i pochi rimasti a non filtrare i commenti e ad accettare critiche discutendone apertamente, ma i tempi cambiano e il livello dello scontro e del "fuoco amico" pure.
L'alternativa è: Economia prossimale - Conversione ecologica dell'industria - Ri-modellazione del sistema di trasporti - Opere locali PER il territorio - Sviluppo delle energie rinnovabili - Efficienza energetica - Utilizzo della tecnologia per praticare la 'mobilità immobile' - Produzione e consumo responsabile - Agricoltura di prossimità - Cultura dei Beni Comuni - Sobrietà negli stili di vita - Cultura della democrazia dal basso e della partecipazione - Condivisione del sapere per sviluppare la democrazia degli uguali - Sviluppo della scuola, dell'università e della ricerca per sperimentare nuovi modelli culturali e sociali

05 febbraio 2010

Video manifestazione del 30 gennaio a Montecchio Maggiore

video




1 commento:

  1. da cartaestnord

    Scritto da Cat - Comitati Ambiente e Territorio - Riviera del Brenta e Miranese
    venerdì 05 febbraio 2010
    Anche la Romea Commerciale tra le grandi opere che Luca Zaia benedice come fondamentali per lo sviluppo della regione. Il candidato leghista a Palazzo Balbi, insomma, raccoglie l’eredità di Giancarlo Galan. Lo ha dichiarato lo stesso Zaia, in un'intervista ad Antenna3 nei giorni scorsi.
    Le dichiarazioni degli esponenti locali del Carroccio, se non strumentali, appaiono ora solo come fumo negli occhi per i cittadini della Riviera.
    Il vecchio adagio “di lotta e di governo” ormai non incanta più nessuno; anche la Lega, nel momento in cui c’è da conquistare la poltrona più ambita del “palazzo” della Regione, preferisce schierarsi dalla parte delle lobby più potenti, in questo caso quelle dell’asfalto e del cemento.



    Mentre ARPAV annuncia che l’impronta ecologica del Veneto è a livelli stellari (se tutti gli abitanti della Terra vivessero come in Veneto ci vorrebbero ben 5 pianeti Terra!), con questa scelta Luca Zaia conferma una politica di devastazione territoriale, già sostenuta dalla Lega durante il “regno” di Giancarlo Galan, che avrà ripercussioni incalcolabili sull’ambiente e sulla salute dei cittadini.

    La Romea commerciale distrugge la Riviera del Brenta, porta più traffico, più inquinamento, non dà risposte alla messa in sicurezza della SS 309 e favorisce Veneto City.
    La nuova autostrada agevola solo il business delle strade a pagamento e la speculazione immobiliare.
    Riqualificando le arterie esistenti e gestendo diversamente i flussi di traffico delle merci è possibile risolvere il problema Romea con pochi soldi, in tempi rapidi e con impatti ridottissimi.

    Mattia Donadel
    Adone Doni
    CAT Comitati Ambiente e Territorio - Riviera del Brenta e Miranese - www.infocat.it

    RispondiElimina

Sotto la neve pane. Sotto il cemento fame!