Avviso ai naviganti


AVVISO AI NAVIGANTI: A causa di insulti e messaggi astiosi ricevuti, abbiamo introdotto la moderazione dei commenti nel blog. Eravamo tra i pochi rimasti a non filtrare i commenti e ad accettare critiche discutendone apertamente, ma i tempi cambiano e il livello dello scontro e del "fuoco amico" pure.
L'alternativa è: Economia prossimale - Conversione ecologica dell'industria - Ri-modellazione del sistema di trasporti - Opere locali PER il territorio - Sviluppo delle energie rinnovabili - Efficienza energetica - Utilizzo della tecnologia per praticare la 'mobilità immobile' - Produzione e consumo responsabile - Agricoltura di prossimità - Cultura dei Beni Comuni - Sobrietà negli stili di vita - Cultura della democrazia dal basso e della partecipazione - Condivisione del sapere per sviluppare la democrazia degli uguali - Sviluppo della scuola, dell'università e della ricerca per sperimentare nuovi modelli culturali e sociali

21 ottobre 2014

APPELLO ALLA MOBILITAZIONE DEL 1° NOVEMBRE 
CONTRO LA SUPERSTRADA PEDEMONTANA VENETA



A circa 10 anni dall’approvazione di una specie di progetto definitivo, ci troviamo con i cantieri della Pedemontana avviati anche oltre le porte della Valle dell’Agno. 
E’ il momento di imporre impietose ed evidenti considerazioni: il fronte di opposizione all’opera naturalmente sorto in tutta la provincia (anche se in fasi e modalità diverse, sparso su un territorio molto ampio e mai veramente unitario) in anni di lotta ha intrapreso azioni di denuncia, informazione, discrete mobilitazioni popolari e scontri a colpi di ricorsi con le ottuse e cieche istituzioni. 

Nel corso di questi anni comunque importanti, abbiamo imparato molte cose: che diverse persone sostengono che in fondo una strada serve sempre, che i soldi promessi per il rimborso degli espropri fanno gola a molti e che la macchina da guerra composta da grandi aziende, stampa e istituzioni, è un avversario durissimo. Ma abbiamo imparato anche che non siamo soli a voler gridare la verità, a voler lottare ed informarsi. Siamo venuti a conoscenza delle strategie malavitose con cui le aziende si assicurano gli appalti e assumono i lavoratori nei comuni interessati dall’opera e abbiamo ascoltato l’urlo della nostra terra stuprata, alluvionata e svenduta per lasciare posto al cemento. 
 Abbiamo smascherato le bugie sulla Bretella del casello di Alte (funzionale solo alla superstrada) sui pericoli per la nostra salute e la deriva del delirante finto progresso. 

E ora, soprattutto perché la partita per molti versi è ancora da giocare, perché una battaglia come questa non riguarda solo la Pedemontana e non riguarda solo la Valle dell’Agno, non possiamo stare zitti! Ora crediamo sia il momento di serrare le fila per provare a fermare l’opera ed esigere trasparenza dalle istituzioni per salvare la nostra terra, per dare un segnale chiaro a chi pensa di speculare quando e come vuole con le nostre vite. 

Invitiamo quindi tutti e tutte a partecipare alla mobilitazione di 
Sabato 1 Novembre presso 
Uscita casello autostradale A4 di Montecchio dalle ore 15

Per meglio costruire tale iniziativa vi invitiamo a un’assemblea preparatoria 
Mercoledì 22 Ottobre alle ore 19 
presso il Circolo Mesa ad Alte di Montecchio.

 “Punta sempre alla Luna, mala che vada, avrai vagabondato tra le stelle” 

Comitati NO PEDEMONTANA

13 settembre 2014

"Faranno saltare per aria il monte"

Riceviamo dai nostri compagni di Montecchio Maggiore e pubblichiamo:

I lavori sono arrivati vicino a noi.
Faranno saltare per aria il monte.
Devieranno il corso della Poscola.
Stanno scavando nella falda.
Calcestruzzo dappertutto devastando i campi che dovrebbero essere solo coltivati.
Questa è una follia.
Ecco perché vi invitiamo a partecipare davanti al comune di Montecchio Maggiore giorno 16 settembre alle ore 18.00 per chiedere a questa amministrazione e alla SIS un incontro pubblico per gridare il nostro dissenso e manifestare i nostri dubbi su questa opera. 
In contemporanea, in comune si terrà la commissione ambiente che incontra la SIS. 
Non lasciamoci abbattere dicendoci "tanto la fanno" può essere vero ma è il nostro territorio e abbiamo diritto di sapere.





10 settembre 2014

Esplosioni in Valle Agno

Da ottobre 2014 Montecchio Maggiore sara' zona di guerra per l'ambiente.
Saranno fatte saltare in aria le pendici del monte su cui poggia la frazione di Sant'urbano.
Come afferma il Giornale di Vicenza "si procedera' con le prime volate, cioe' con le prime cariche
di mine che inizieranno ad esplodere".
Non avevamo alcun dubbio sulla maligna protervia degli asfaltatori.
Distruggeranno quello che resta del meraviglioso sistema di risorgive, falde, sorgenti, piante ed animali che popolano il fondovalle.
Noi vogliamo il rispetto dell'ambiente e di chi lo abita.
Sara' la morte biologica della Valle dell'Agno che diventera' un contenitore di cemento ed asfalto.
Percio' abbiamo pensato di utilizzare il presidio dei forconi, ormai morti e sepolti dentro il mare di fandonie e di parole d'ordine razziste che li distingueva, all'uscita dell'autostrada di Montecchio Maggiore, per iniziare una campagna d'informazione e di dibattiti sul nostro territorio proprio all'interno degli spazi da loro abbandonati.

28 agosto 2014

MACUMBA contro la Pedemontana e chi la vuole

https://www.facebook.com/events/1568647270025269/?context=create&ref_dashboard_filter=upcoming&source=49

Venerdì 5 settembre dalle ore 17,30 alle 19,00 
alla rotatoria della stazione di Castelgomberto 

balliamo la M A C U M B A
contro la Pedemontana e chi la vuole

*********
FOTO
***********