Avviso ai naviganti


AVVISO AI NAVIGANTI: A causa di insulti e messaggi astiosi ricevuti, abbiamo introdotto la moderazione dei commenti nel blog. Eravamo tra i pochi rimasti a non filtrare i commenti e ad accettare critiche discutendone apertamente, ma i tempi cambiano e il livello dello scontro e del "fuoco amico" pure.
L'alternativa è: Economia prossimale - Conversione ecologica dell'industria - Ri-modellazione del sistema di trasporti - Opere locali PER il territorio - Sviluppo delle energie rinnovabili - Efficienza energetica - Utilizzo della tecnologia per praticare la 'mobilità immobile' - Produzione e consumo responsabile - Agricoltura di prossimità - Cultura dei Beni Comuni - Sobrietà negli stili di vita - Cultura della democrazia dal basso e della partecipazione - Condivisione del sapere per sviluppare la democrazia degli uguali - Sviluppo della scuola, dell'università e della ricerca per sperimentare nuovi modelli culturali e sociali

02 dicembre 2018

Piccole Vittorie

Il giorno 13/11/2018 a Santomio di Malo si è tenuta un'assemblea pubblica nella quale è stata presentata una variante al progetto della SPV riguardante la realizzazione del tunnel Malo-Castelgomberto.

Con questa variante, viene autorizzato lo scavo della galleria a partire dalla parte centrale oltre che dalle due estremità.
I lavori alle estremità sono sono attualmente fermi a causa del crollo della volta del tunnel (con vittima un operaio) ad una estremità e di una voragine creata dal torrente Poscola dentro il cantiere all'altra estremità della galleria.

L'approvazione della variante è un vero e proprio colpo di mano da parte di SIS-Regione Veneto
che si giustificano argomentando che essendo in ritardo di due anni e mezzo nei lavori,
occorre scavare su quattro fronti invece che su due.

Uno degli effetti pratici di questa variante è di avere 540 camion al giorno che trasportano materiale in una zona di risorgive e pregiata da un punto di vista ambientale, abitata da qualche centinaio di persone che si troverbbero a vivere dentro un cantiere 7 giorni su 7 per 24 ore al giorno per i prossimi tre-quattro anni.

Tutto questo dopo anni di rassicurazioni che mai e poi mai una cosa simile sarebbe avvenuta.

Fatto sta che la rabbia dei cittadini che si sono sentiti presi per i fondelli è sfociata in una nuerosa serie di interventi durante l'assemblea di cui sopra. (Qui il link degli interventi)

All'assemblea ha fatto seguito una spontanea raccolta di firme (quasi 400 in una sola settimana senza alcun tipo di organizzazione alle spalle) depositate e protocollate presso gli uffici comunali di Malo, con la quale si chiede al Sindaco di presentare ricorso al TAR e al Presidente della Repubblica contro l'approvazione della variante.

La richiesta è stata appoggiata anche dalle opposizoni con una mozione congiunta.

Anche se durante l'assemblea pubblica Sindaco e Assessore sembravano riluttanti a portare avanti tale proposta, la giunta comunale ha dato incarico ad un legale di verificare l'esistenza degli estremi per il ricorso.

La risposta del legale, il 4 dicembre.

La morale di questa storiella è che a volte un po' di sano fervore e una giusta dose di incazzatura possono portare risultati positivi.

Nel frattempo vigiliamo su due punti:

1) si faccia ricorso senza alcun tentennamento (e non aggiungiamo altro per ora)
2) i lavori non partano.




03 aprile 2017

CARABINIERI e GDF nei cantieri SPV

Clamoroso!
Carabinieri e guardia di finanza nei cantieri della SPV.
Ci segnalano che numerose auto (almeno una dozzina) dei Carabinieri e alcune della Guardia di Finanza, stanno stazionando all'interno di due cantieri della Superstrada Pedemontana Veneta in zona Rivarotta, ma anche dall'altra parte del ponte sul Brenta.

Chi avesse notizie o immagini ce le comunichi.