Avviso ai naviganti


AVVISO AI NAVIGANTI: A causa di insulti e messaggi astiosi ricevuti, abbiamo introdotto la moderazione dei commenti nel blog. Eravamo tra i pochi rimasti a non filtrare i commenti e ad accettare critiche discutendone apertamente, ma i tempi cambiano e il livello dello scontro e del "fuoco amico" pure.
L'alternativa è: Economia prossimale - Conversione ecologica dell'industria - Ri-modellazione del sistema di trasporti - Opere locali PER il territorio - Sviluppo delle energie rinnovabili - Efficienza energetica - Utilizzo della tecnologia per praticare la 'mobilità immobile' - Produzione e consumo responsabile - Agricoltura di prossimità - Cultura dei Beni Comuni - Sobrietà negli stili di vita - Cultura della democrazia dal basso e della partecipazione - Condivisione del sapere per sviluppare la democrazia degli uguali - Sviluppo della scuola, dell'università e della ricerca per sperimentare nuovi modelli culturali e sociali

13 ottobre 2010

Comitato Difesa Salute Territorio TRISSINO

GIU' LA MASCHERA!

Gli amministratori dei comuni della Valle del'Agno interessati dal passaggio dell'Autostrada Pedemontana si sono tolti la maschera. La Lega si preoccupa più delle poltrone delle fondazioni bancarie del territorio che del territorio che le ha create. Non c'è discontinuità tra il modello Galan-Chisso-Vernizzi e quello la Lega Nord con il Presidente Zaia. Hanno dimostrato di seguire con i loro slogan gli stessi vizi, e la dichiarazione di Zaia che ha presentato la firma del C.S. Vernizzi al Prog. Def. ci offende e noi per questo la parafrasiamo: Prima i Veneti, meglio se li conosco di persona, gli altri se posso, li offendo!



Se vi era il dubbio sono a favore del progetto senza riserve. I Sindaci della Valle dell'Agno hanno impiegato tre mesi a leggere i documenti presentati sottoforma di interrogazioni, per rispondere che le domande erano troppo ampie, non riguardano il loro territorio, non competeva loro rispondere. Ma cosa sanno allora della Pedemontana? Sanno che esiste un Commissario Straordinario? Sanno che il cantiere sarà devastante? Sanno che problemi hanno gli espropriati? Sanno i rischi per la salute di tutti gli abitanti della valle? Sanno che le proprietà dei residenti intercettate avranno un deprezzamento mentre le aree industrili avranno un aprrezzamento del loro valore. E così via.....



Leggi di seguito e guarda il video con la dichiarazione del Sindaco di Trissino.

Queste erano alcune domande a cui non hanno voluto rispondere, forse l'Assessore regionale Finozzi, presente nel nostro territorio l'11 settembre a parlare di patate, in quella occasione ha dettato la linea a tutti da Castelgomberto a Brogliano e da Trissino a Montecchio. Forse Finozzi ha dettato la linea anche a Cornedo Vicentino e a Valdagno. Venerdì 8 ottobre il provvedimento di approvazione del Progetto Definitivo è stato pubblicato nel BUR Veneto, in questi mesi abbiamo lavorato al ricorso e siamo in fase di chiusura delle carte, invitiamo tutti alla prossima mobilitazione su questo tema a Villaverla. A breve chiediamo ai molti di mobilitarsi per partecipare all'assemblea pubblica dell'amministrazione di Trissino, nella quale oltre a molti temi locali affronterà anche la Pedemontana.


GIOVEDì 14 OTTOBRE AULA MAGNA di
Trissino ORE 20.30.



Alleghiamo il video dell'intervento di risposta all'interpellanza di Gerardo Lupo della civica Cittadini Attivi Trissino anch'IO!, che il Sindaco di Trissino ha dato nel Consiglio Comunale di Trissino del 27 settembre scorso.

CDST Trissino




17 commenti:

  1. Miracolo! Il risveglio Trissinese. Ora tutti contro ad amministratori e lega.

    Ma fin'ora dove siete stati?

    RispondiElimina
  2. Ma la Lega non era sacra? Non si doveva lasciare in pace e non tirare in ballo, per non infastidirla? Ora scoprono gli intelligentoni strateghi che invece gli amministratori che loro idolatravano e a cui chiedevano di intercedere 'colà dove si puote ciò che si vuole' ci sono dentro fino al collo e del territorio e della popolazione non gliene frega una minchia?
    Ma dove vivete? Avete rovinato tutto e ora anche scoprite l'acqua calda! Lo diciamo da anni che gliamministratori della Valle Agno gli va più che bene EL SVILUPO! Basta guardare le lottizzazioni che fanno.

    RispondiElimina
  3. Noi Variati l'abbiamo attaccato, e proprio per questo linciati sulla mailing list. E' del PD per la cronaca!

    RispondiElimina
  4. Siete innamorati dei partitti e dei sindaci, i gusti sono gusti...

    RispondiElimina
  5. Basta preparare documenti, fate qualche passeggiata la domenica pomeriggio che vi rinfresca il cervello, altro che CC

    RispondiElimina
  6. Dove si può trovare la pubblicazione del bur? Ho guardato nel sito della regione, ma non l'ho visto ...

    RispondiElimina
  7. Ma che centra Variati? Ma n'do s'attaccano?

    RispondiElimina
  8. non si capisce niente! ma chi scrive contro chi?
    c'è un certo anonimo che si incazza con anonimo che risponde ad anonimo...
    Poi ci si stupisce se le persone stanno a casa invece di partecipare.

    Secondo me, sul blog è stata pubblicata una notizia di interesse generale. Tutto il resto è inutile.

    RispondiElimina
  9. Anche Finozzi ha dei guai con la legge (Il fatto quotidiano)

    RispondiElimina
  10. 3 Settimane fa ho saputo che l' azienda che costruirà la pedemontana comincerà i lavori subito e sta cercando un grande ufficio a Castelgomberto.
    Ormai il dado è tratto. Purtroppo nulla potrà fermare l' eco distruzione della valle. Complimenti a tutti i governanti sia di destra che di sinistra.
    I problemi saranno i cantieri che bloccheranno la viabilità locale, le polveri, e la massa di ceffi a costo rasente lo zero che andranno a lavorare in quesi cantieri, ricordo che la TAV non ha portato posti di lavoro ma solo nuovi assimilati all' ingranaggio delle cooperative e i vari men power.
    La valle sventrata, l' agno rovinato, l' aria irrespirabile (per i primi tempi poi ci si abitua!), sinceramente vorrei tanto sputare in faccia ai nostri fantocci.

    RispondiElimina
  11. non sono daccordo che il dado è tratto.
    nulla è accaduto fino a quando non accade.
    ci sono iniziative in divenire che possono fermare la devastazione.
    la diffusione della rassegnazione è l'arma pirncipale di chi ci amministra per far passare sulle nostre teste le loro decisioni

    RispondiElimina
  12. C'è solo un'unica via. Se non si muove la polazione in massa (fin'ora fin troppo silente) c'è poco da stare allegri!!

    RispondiElimina
  13. PER G3RT
    Ok nulla accade, ma tutto è pronto e ripeto hanno fretta di iniziare i lavori.
    Io sono rassegnato, ragioniamo:

    La popolazione è divisa al 50%, nella migliore delle ipotesi, conosco persone che avranno la pedemontana a 30 m da casa e sono contente e convinte che ci vuole per lo sviluppo ...

    Le amministrazioni saranno coinvolte nei soliti scambi di favori con amici che lavoreranno con il la sis e faranno girare SOLDI.

    Lo stato (ROTFL a chiamarlo così mi vien da ridere) vuole far girare soldi (vedi sopra) ai soliti amici di cui sono soci.

    Perché non dovrei essere rassegnato?

    RispondiElimina
  14. Per Anonimo
    Non è che ci sia da fare salti di gioia. La situzione è difficile, ma ancora non è persa. E' evidente che c'è una volontà politica di andare avanti n fretta e che tante persone pensano di fare affari con l'autostrada. Però questo non accadrà perchè non ci saranno ricadute e commesse per le imprese locali (Vernizzi dice che la norma forcella non si applica in questo caso). La Lega Nord, che predica bene in paese e razzola male a Roma e a Venezia, si è riempita di affaristi ed ha un potere di convincimento olto forte. La nomina del commissario è evidentemente illegale e mancano tanti altri tasselli di legalità in tutta l'opera. Per ora si può ricorere al TAR del lazio su questi argomenti, in modo da mettere i bastoni tra le ruote a Chisso, Zaia & co e poi riaggregare il movimento che c'era la primavera scorsa e farlo crescere. Bisogna dare speranza altrimenti la gnte se ne sta a casa.

    RispondiElimina
  15. G3RT - sono con ti!!

    RispondiElimina
  16. bisogna spegnere la tv,portare la gente in piazza,informarla su quello che realmente accadrà,altrimenti quando si troverà le ruspe davanti al cancello, si limiterà a chiudere le finestre!

    RispondiElimina
  17. Da quel che ho visto, da tre anni e più il Comitato continua a fare informazione e sicuramente continuerà a farlo. Sono state fatte bicifestazioni, gazebi, assemblee pubbliche e distribuite vagonate di volantini in tutta la Valle fino a Malo.

    Non si può pretendere di prendere in braccio la gente e portarla di peso in piazza .... Che si diano una mossa una volta per tutte per il bene di tutti o che chiudano quelle finestre e tacciano per sempre. Inutile lamentarsi dopo!

    RispondiElimina

Sotto la neve pane. Sotto il cemento fame!